CFP Mar 13, 2013

Light & Darkness in XX Century Architecture (Mendrisio, 24-25 Oct 14)

Accademia di Architettura, Mendrisio CH, Oct 24–25, 2014
Deadline: Apr 10, 2013

Matthias Brunner, Accademia di architettura, Mendrisio

“Le jeu savant”. Light and Darkness in XX Century Architecture
Publication and Conference

CALL FOR PAPERS - English Version
[Testo in italiano in fondo]

“L’architecture est le jeu savant, correct et magnifique des volumes
sous la lumière.”

With this well-known statement of 1923, Le Corbusier reaffirmed the
role of light as the revealer of architecture. This was nothing new,
of course, and yet in the context of a re-founding of the discipline
in a modernist key, these words register some changes in attitude,
such as the increasing attention to the orientation and the exposure
of buildings.

The period under consideration here begins with the first decade of
the twentieth century, when a reconsideration of the relation between
light and architecture intensified in diverse countries and in
different fields. If from one perspective, that moment saw important
scientific and technological advancement accomplished with an
increased knowledge of the salutary effects of light both natural and
artificial, Frank Lloyd Wright’s rallying cry from 1931 shows another:
“Shadows were the ‘brushwork’ of the ancient Architect. Let the
‘modern’ now work with light, light diffused, light reflected, light
refracted--light for its own sake, shadows gratuitous.” Thus, while
some people reduced light to its measurable hygienic aspects, other
people were still looking at light from an aesthetic or symbolic point
of view. This period’s chronological arc closes in the 1990s, before
the advent of new technologies of artificial and energy-saving
illumination.

This publication and the conference solicit reflection on the theme of
light, as gleaned both from theoretical production and from actual
projects, throughout the twentieth century. Contributions are
integrated within the project financed by the Swiss National Science
Foundation and organized by Daniela Mondini “From Ravenna to Vals,
Light and Darkness from the Middle Ages to the Present.”

Contributors should concentrate on the following thematic nuclei.

1 - The representation of light and its effects within architectural
space.
The intangible nature of light renders it difficult to represent it
graphically, obtainable generally only through the drawing of its
opposite: shadow. For this, one takes advantage of the most
traditional instruments for the representation of architecture: the
technical drawing, painting and photography. Using scientific
measurement, the description of light in texts, and its presence in
the filmic arts, whether video, documentary or film, one can also
appreciate the dynamic quality of the phenomenon. Through different
media this section investigates the possible forms of the
representation of the effects of light and shadow within the twentieth
century.

2 - The exposure and orientation of the building.
During the first decades of the twentieth century, the orientation of
streets and buildings received renewed attention and importance,
mainly as a result of new discoveries in the field of hygiene.
Treatises by William Atkinson and Augustin Rey give evidence for this.
As a result, some architects demanded maximal insolation of buildings,
sometimes in a rather one-sided way. At least since antibiotics and
vitamin compounds partially replaced sun-treatments in medicine and
since construction in tropical regions became an important topic in
architectural discourse, comprehensive climate control became a
priority over insolation. Depending among other things on the
importance given to energy saving, different results were achieved.
This section proposes to compare suggestive case studies, both
theoretical and planning-based.

3 - Devices for the manipulation of natural light (glass, windows,
screens, systems of dimming and sun-protection)
Because of the variances of seasons, latitudes, and hours of the day,
the practice of architecture evidences the necessity of designing a
comfortable interior, whether for a domestic, hospital, or working
space, making both possible and facile the regulation of the supply of
air and light. This section analyses the quality of utilized materials
and the technologies of opening and closing.

4 - Artificial Light
Today, in the age of the LED, the incandescent light bulb seems
obsolete. And yet, its simple image in the form of a “bare bulb”
continues to be an icon of modernity and technological progress. This
section proposes to investigate the diverse forms and applications of
systems of artificial illumination and the relationship that they
establish with the architectural space in which they are installed,
underlining similarities and differences with respect to the natural
illumination

Proposals of a maximum of 3,000 characters (spaces included) should be
sent in .doc/.docx or .pdf format by 10 April, 2013 to the address
lejeusavantgmail.com. They can be written in Italian, English,
French, or German. Applications should contain: name and surname of
the author, title, abstract, an indication of the section in which the
applicant wishes to participate, curriculum vitae of the author. The
results will be announced by the end of April.
Texts for publication (maximum of 20,000 characters, spaces included
and 5 images, free of copyright) must be delivered by 20 September,
2013.
The conference will be held on Friday 24 and Saturday 25 of October
2014, at the Accademia di architettura in Mendrisio. On this occasion,
the volume with the contributions of the participants will be
presented. The organization will provide the participants’
accommodation expenses for the three days (two nights) of the
conference.

--

CALL FOR PAPERS – Testo in italiano
“Le jeu savant”. Luce e oscurità nell’Architettura del XX secolo

"L’architecture est le jeu savant, correct et magnifique des volumes
sous la lumière"

Con questa celeberrima affermazione del 1923, Le Corbusier ribadisce
il ruolo della luce in quanto rivelatrice dell’architettura. Niente di
nuovo, eppure in un contesto di rifondazione della disciplina in
chiave modernista queste parole registrano alcuni cambiamenti in atto,
come la crescente attenzione all’orientamento e all’esposizione degli
edifici.

Il periodo preso in esame inizia nella prima decade del secolo, quando
in diversi paesi e in campi differenti si intensifica un progressivo
ripensamento della relazione tra luce e architettura. In quel momento,
da una parte si compie un importante progresso scientifico e
tecnologico, con un incremento delle conoscenze relative agli effetti
salutari della luce; dall’altra vengono esplorati da un punto di vista
nuovo gli aspetti estetici e simbolici della luce sia naturale che
artificiale. “Shadows were the ‹brushwork› of the ancient Architect.
Let the ‘Modern’ now work with light, light diffused, light reflected,
light refracted - light for its own sake, shadows gratuitous.” Questa
affermazione di Frank Lloyd Wright dimostra come anche nel 1931,
dunque negli anni di maggior successo delle teorie igieniste e delle
tecniche di misurazione scientifica della luce, questa veniva
considerata sempre anche per i suoi valori estetici e semantici.
L’arco cronologico considerato si chiude negli anni Novanta, prima
dell’avvento delle nuove tecnologie di illuminazione artificiale a
risparmio energetico.

La pubblicazione e il convegno sollecitano una riflessione sul tema
della luce, declinato sia nella produzione teorica che in quella
progettuale, attraverso il XX secolo. I lavori si inseriscono
all’interno del progetto finanziato dal Fondo nazionale svizzero per
la ricerca e coordinato da Daniela Mondini “Da Ravenna a Vals. Luce e
oscurità dal medioevo al presente”.

I contributi si concentreranno intorno ai seguenti nuclei tematici:

1 - Rappresentare la luce e i suoi effetti nello spazio architettonico
La natura intangibile della luce ne rende difficile la
rappresentazione grafica, ottenibile in genere attraverso il disegno
del suo negativo: l’ombra. Si avvalgono di quest’ultima gli strumenti
più tradizionali della rappresentazione dell’architettura: il disegno
tecnico, la pittura e la fotografia come mezzo di verifica e di
enfatizzazione. Mediante la misurazione scientifica, la descrizione
della luce nei testi e la sua presenza nei filmati, siano essi video,
documentari o film, si possono apprezzare inoltre le qualità dinamiche
del fenomeno. Attraverso differenti media la sezione indaga le
possibili forme di rappresentazione degli effetti della luce e
dell’ombra negli interni del XX secolo.

2 - Esposizione e orientamento dell'edificio
All’inizio del secolo, l’orientamento delle strade e degli edifici
diventa un tema sempre più importante in quanto costituisce
un’applicazione delle recenti scoperte di William Atkinson e Augustin
Rey nel campo dell’igienismo. Di conseguenza molti edifici vengono
progettati in modo da ottenere la massima esposizione solare, anche se
spesso in modo unilaterale. Da quando in campo medico gli antibiotici
e gli integratori vitaminici hanno sostituito i “bagni di sole” e le
costruzioni nelle regioni tropicali sono entrate a far parte del
discorso architettonico, il tema dell’esposizione solare ha ceduto il
posto ad un approccio più ampio di controllo climatico. A seconda
dell’importanza accordata al risparmio energetico si sono ottenuti
risultati progettuali anche molto differenti; questa sezione si
propone di mettere a confronto casi studio suggestivi, sia teorici che
progettuali.

3 - Dispositivi per la regia della luce naturale (vetrate, finestre,
filtri, sistemi
di oscuramento e di filtro solare)
Al variare delle stagioni, delle latitudini e delle ore del giorno, la
pratica architettonica evidenzia la necessità di disegnare un interno
confortevole, sia esso domestico, ospedaliero o lavorativo, rendendo
possibile ed agevole la regolazione dell’apporto di aria e luce. La
sezione analizza le qualità dei materiali utilizzati e le tecnologie
di apertura e oscuramento.

4 - Illuminazione artificiale
La lampadina a incandescenza appare oggi, nell’epoca del LED,
obsoleta. Eppure la sua immagine semplice in forma di “ampoule nue”
continua a essere un’icona della modernità e del progresso
tecnologico. La sezione si propone di indagare le diverse forme e
applicazioni dei sistemi di illuminazione artificiale e la relazione
che essi instaurano con il volume architettonico in cui vengono
installati, sottolineando similitudini e differenze rispetto
all’illuminazione naturale degli stessi.

Le proposte di massimo 3.000 battute (spazi inclusi) dovranno essere
inviate in formato doc/docx o pdf entro il 10 aprile 2013
all’indirizzo lejeusavantgmail.com Sono ammessi testi redatti in
italiano, inglese, francese, tedesco. Le domande di partecipazione
devono contenere: nome e cognome dell’autore, titolo, abstract,
indicazione della sezione di riferimento, curriculum vitae
dell’autore. I risultati verranno comunicati entro la fine di aprile.
La consegna dei testi da pubblicare (massimo 20.000 battute spazi
inclusi e 5 immagini libere da copyright) dovrà avvenire entro il 20
settembre 2013.
Il convegno si terrà nei giorni di venerdì 24 e sabato 25 ottobre 2014
presso l’Accademia di architettura di Mendrisio. In questa occasione
verrà presentato il volume con i contributi dei partecipanti.
L’organizzazione provvederà alle spese di alloggio dei partecipanti
per i tre giorni (due notti) in cui si terrà il convegno.

Reference:
CFP: Light & Darkness in XX Century Architecture (Mendrisio, 24-25 Oct 14). In: ArtHist.net, Mar 13, 2013 (accessed Aug 18, 2022), <https://arthist.net/archive/4851>.

^